Abstract

In un terreno lungo la sponda del canale Rigà, presso l’abitato di Lio Piccolo nella laguna nord di Venezia, è stato individuato nel 2015 un manufatto monossile di quercia, in giacitura secondaria, ma rinvenuto in contesto subacqueo in occasione dei lavori di risistemazione della vicina chiavica idraulica situata sulla riva del canale. Il rinvenimento si colloca in un’area lagunare interessata da importanti evidenze archeologiche di epoca romana. Le analisi 14C hanno fornito una datazione del manufatto tra il I e il II sec. d.C., coerente con la quota di giacitura originaria del reperto e con i materiali rinvenuti contestualmente ad esso, riferibili ad epoca romana. L’analisi tipologica e il confronto con altri reperti simili rinvenuti in laguna nord suggeriscono di identificare il manufatto non con uno scafo, ma come una condotta idraulica, verosimilmente funzionale alla regimazione delle acque tra bacini idrici e/o al funzionamento di impianti produttivi.

An artifact made from a single excavated oak trunk (monoxylon) was identified in 2015 in the northern Venice lagoon, in the countryside along the Rigà canal bank, near Lio Piccolo small village. The artefact is now in a not original location, but it was fond underwater during the redevelopment works of the nearby hydraulic sewer located on the canal side. The discovery is located in a lagoon area characterised by important Roman Age archaeological evidences. The 14C analysis revealed for the artifact a date between the 1st and 2nd century AD, consistent with the original lying depth of the artefact and with the contextual finds, which can be attributed to the Roman Age. Typological analysis and comparison with other similar artifacts found in the northern lagoon suggest identifying the artifact not as a hull, but as a hydraulic conduit, probably functional for the regulation of water between lagoon basins and/or for the operation of production facilities.

In questo numero