Antichità in giardino, giardini nell'antichità

Studi sulla collezione Giusti a Verona e sulla tradizione delle raccolte di antichità in giardino

A cura di Alfredo Buonopane, Myriam Pilutti Namer, Luigi Sperti


2020, 184 pp.
Brossura, 21 x 28 cm
ISBN: 9788876893230

€ 98,00  € 93,10
  • Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello
Argomento

Il volume raccoglie gli atti del convegno internazionale «Antichità in giardino, giardini nell’antichità» (Palazzo Giusti, Verona). L’occasione di presentare al pubblico alcune iscrizioni e sculture di età classica e rinascimentale della collezione Giusti, in corso di restauro, studio e allestimento, ha costituito il motivo di una riflessione più ampia sul ruolo delle antichità nei giardini in età moderna e sulla concezione dei giardini nella cultura classica e nella società romana in particolare. La collezione Giusti si è formata a partire dalla fine del Cinquecento, è stata modificata e si è accresciuta fino all’Ottocento. Per quanto riguarda le sculture, in maggioranza confluirono nella collezione Giusti agli inizi del diciannovesimo secolo grazie all’intervento di Girolamo Ascanio Molin, importante intellettuale, politico e collezionista veneziano, a seguito del matrimonio di sua figlia Paolina con Carlo Giusti (1801). Questi materiali, in buona parte di piccole dimensioni, ma con importanti eccezioni, contribuirono ad ornare il giardino e il palazzo assieme alle numerose iscrizioni già presenti. Si tratta di un nucleo di reperti greci e romani ai quali si accosta un campione significativo di pezzi all’antica, realizzati tra il Rinascimento e la metà dell’Ottocento.

Allegati
  • Preview Preview Preview
Indice

Introduzione di Fabrizio Magani

Giardini nell’antica Roma
M. Mayer i Olivé, Cicerón en el giardín
L. Pons Pujol, Enfoques metodológicos en el estudio de los jardines romanos: epigrafía, derecho romano, filosofía
G. Baratta, Horti romani: i Topiarii

Il collezionismo veneto di antichità: la collezione Giusti del Giardino a Verona
A. Candeago, Vicende veronesi della collezione Molin
A. Buonopane, «Donec in musei speciem crescerent …»: il Giardino Giusti e le sue iscrizioni
L. Sperti, Il capitello figurato della collezione Giusti del Giardino a Verona
M. Pilutti Namer, Due togati in veste di Fratres arvales? Marco Aurelio Mattei e Lucio Vero a Palazzo Giusti (Verona)
L. Siracusano, Un busto per Alessandro Vittoria, una testa per Girolamo Campagna (e altre due sculture moderne in Palazzo Giusti a Verona)

Antichità in giardino: studi di caso
G. Bodon, Per la fortuna del giardino di antichità nella prima rinascenza veneta: il caso padovano
E. Zorzi, La persistenza dell’antico a Venezia: i dodici Cesari nel giardino di Palazzo Soranzo-Cappello
L. Calvelli, Le iscrizioni non veronesi del Museo Maffeiano (alcune considerazioni di metodo)
F. Paolucci, Archeologia in giardino? A proposito di alcune antichità conservate a Villa Salviati (Sesto Fiorentino)
A. Sartori, Ercole Silva, uno snodo giardinesco
M. De Vico Fallani, C. Pavolini, M. Pileri, E. Jane Shepherd,  Le sistemazioni a verde di Michele Busiri Bici per Ostia antica: un caso di studio 

Recensioni

Zoja Pavlovskis-Petit, Binghamton University, Bryn Mawr Classical Review, 20/08/2021
Review