Articolo
Abstract

Ad un secolo di distanza dalla discussione della tesi di laurea di Ranuccio Bianchi Bandinelli, vengono presentati numerosi frammenti raccolti in occasione delle sue ricognizioni nel territorio di Chiusi tra il 1921 e il 1922. Quelle ricerche permisero allo studioso di elaborare dettagliate carte delle necropoli chiusine e fissare alcuni principi metodologici per la redazione della Carta Archeologica d’Italia 1:100.000, poi proposti al Primo Convegno di Studi Etruschi nel 1926 insieme al Saggio di Carta Archeologica della zona di Chiusi. Nello stesso incontro fu presentata anche una relazione dedicata alle manifestazioni artistiche dell’Etruria a confronto con le altre produzioni italiche, edita nel 1928.

A century after the discussion of Ranuccio Bianchi Bandinelli’s thesis, numerous fragments collected during his field surveys in the territory of Chiusi carried out between 1921 and 1922 are presented here. This research allowed him to create detailed maps of the necropoleis of Chiusi and to establish some methodological guidelines for the drafting of the 1:100,000-scale Carta Archeologica d’Italia, which were presented at the First Conference of Etruscan Studies in 1926, together with the Saggio di Carta Archeologica for the area of Chiusi. The same meeting saw the presentation of a report on the artistic productions of Etruria in comparison to other productions of ancient Italy, which was published in 1928.

In questo numero