Articolo
Abstract

Tra le numerosissime ceramiche attiche restituite dalle necropoli spinetiche, non sono pochi i vasi degni di particolare interesse e di questi alcuni sono veri pezzi unici per qualità artistica, per dimensioni, per forma, per decorazione figurata. Tra questi vasi è lecito annoverare un raffinato cratere a campana del Pittore di Altamura datato attorno al 460 a.C., un pezzo di eccezionale qualità la cui decorazione figurata rappresenta un unicum nella produzione ceramografica attica conservata.

In questo numero