Studi Etruschi

Studi Etruschi

ISSN: 0391-7762

Fondata nel 1927, «Studi Etruschi» è una pubblicazione annuale dell'Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici (Firenze). Studi Etruschi è la rivista peer-reviewed di etruscologia e studi italici più illustre e diffusa a livello internazionale. L'attenzione scientifica è rivolta a tutti i campi di ricerca e studio relativi all'Italia etrusca e preromana. La rivista comprende inoltre due rassegne epigrafiche (Rassegna di epigrafia etrusca REE e italica REI). Studi Etruschi raggiunge più di 25 paesi e circa 300 università, società scientifiche, dipartimenti di antichità e musei. Studi Etruschi viene pubblicato annualmente in dicembre, in formato cartaceo. La rivista valuta i manoscritti attraverso un processo di peer review in doppio cieco. Ogni numero include nuovi lavori accademici e una sezione di recensioni di libri, che fornisce una panoramica critica delle nuove pubblicazioni di studiosi emergenti e affermati.

Redazione e Contatti

Direttore responsabile
Giuseppe Sassatelli

Comitato direttivo
- Luciano Agostiniani
- Stefano Bruni
- Luca Cerchiai
- Giovanni Colonna
- Fernando Gilotta
- Adriano Maggiani
- Anna Marinetti
- Marina Martelli

Istituto Nazionale di Studi Etruschi ed Italici
Via Romana 37/A - 50125 Firenze
Email: istitutostudietruschi@gmail.com

Rassegna di epigrafia etrusca (REE):
Prof. Luciano Agostiniani
Prof. Giovanni Colonna
Prof. Adriano Maggiani

Rassegna di epigrafia italica (REI):
Prof. Luciano Agostiniani
Prof.ssa Maria Marchese
Prof.ssa Anna Marinetti

Distribuzione e stampa
GIORGIO BRETSCHNEIDER EDITORE
Piazza Antonio Mancini 4
00196 Roma
Tel. +39.06.84383207

Richieste di abbonamenti: periodici@bretschneider.it

Indicizzazione e diffusione

La Rivista «Studi Etruschi» ha ottenuto valutazioni di eccellenza fra le pubblicazioni del suo campo da parte delle principali agenzie mondiali di ranking.

  • ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca), nelle liste delle riviste ai fini dell'abilitazione scientifica nazionale per l'area 10, Scienze dell'antichità - Fascia A
  • MIAR (Information Matrix for the Analysis of Journals), categoria «Classical Studies», con l’indice di diffusione 10 http://miar.ub.edu/issn/0391-7762
  • NSD (Norwegian Register for Scientific Journals, Series and Publishers)

Inoltre «Studi Etruschi» è presente nei database:
  • Scopus - Arts & Humanities
  • L'Année philologique
  • WorldCat
  • EBSCO
  • ProQuest (Periodicals Index Online)

Peer review

La selezione dei contributi da pubblicare avviene tramite il sistema della Peer-Review: i contributi pervenuti vengono sottoposti in forma anonima a valutazione di due esperti reclutati per l’occasione, a seconda del tema trattato nell’articolo.
L’identità dei revisori è resa nota con cadenza biennale tramite pubblicazione nel sito della rivista senza esplicitare i contributi per cui è stato effettuato il referaggio. La documentazione relativa ai referaggi viene custodita, sotto forma di schede, negli archivi dell’Istituto.

Informazioni per gli autori

Per facilitare il lavoro di redazione e garantire l’uniformità dei testi, gli Autori sono pregati di attenersi strettamente alle seguenti norme.

TESTI
I testi vanno inoltrati elettronicamente al seguente indirizzo email: istitutostudietruschi@gmail.com
Gli Autori sono pregati di attenersi strettamente alle norme redazionali scaricabili da questo link. Esse si compongono di 2 files:
1. Le norme redazionali di Studi Etruschi
2. Le abbreviazioni bibliografiche
Per la composizione del testo si raccomanda di usare programmi di video-scrittura di ampia diffusione (per es. Microsoft Word o compatibili), utilizzando il font Times New Roman, dimensioni carattere 12, interlinea semplice.

IMMAGINI
Ai sensi del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice Beni Culturali) nessuna immagine fotografica può essere pubblicata o comunque riprodotta senza una concessione scritta rilasciata dall’ente titolare dei diritti di riproduzione. Nelle referenze fotografiche dovrà essere chiaramente indicato il copyright dell’Ente titolare (Soprintendenze, Musei ecc.) dei diritti di riproduzione.
Le figure devono essere in sequenza continua senza distinzione tra figure e tavole perché andranno tutte all’interno dell’articolo con un’unica numerazione progressiva.
Le illustrazioni, di buona qualità, devono essere fornite in versione elettronica (si prega di fornire file con estensione jpg o tiff ad alta risoluzione). Si accettano illustrazioni in B/N, nel numero di 1 per ogni pagina di testo (per es.: un articolo di venti pagine può essere corredato da circa 20 illustrazioni). Le fotografie devono avere una risoluzione di almeno 300 dpi; i disegni al tratto di almeno 400 dpi. Non sono ammesse, salvo eccezioni debitamente motivate, illustrazioni a colori.
Le immagini potranno avere una larghezza massima di 13 cm: si prega pertanto di indicare per quali illustrazioni è desiderata questa larghezza massima, in caso contrario le immagini saranno impaginate dall’editore secondo convenienza, con una larghezza compresa fra 7 e 13 cm.

DIDASCALIE DELLE ILLUSTRAZIONI
Esse vanno fornite in elenco in calce al testo. Le informazioni devono essere le seguenti: definizione dell’oggetto (per es. oinochoe di bucchero) oppure breve descrizione del luogo (Cerveteri, Santuario della Vigna Parrocchiale, ecc) + eventuale luogo di provenienza dell’oggetto + eventuale luogo di conservazione dell’oggetto (per es. Roma, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia) + eventuale n. di inventario dell’oggetto).

REFERENZE
Nelle referenze fotografiche dovrà essere chiaramente indicato il copyright della Soprintendenza, il nome del Museo o della Raccolta ed eventualmente il nome del fotografo. La precisa referenza è indicata nella concessione rilasciata dall’Ente concessionario. L’Editore non risponde dell’inosservanza, anche parziale, di questa norma.

Per ulteriori informazioni, contattare la Redazione della Rivista all'indirizzo: redazione@bretschneider.it

Abbonamenti

ENTI / ISTITUZIONI
• Scarica le quote di abbonamento 2023 (pdf)

Le richieste di informazioni sulla procedura di abbonamento devono essere inoltrate a: periodici@bretschneider.it

Arretrati: prezzi su richiesta

Codice Etico

La Rivista Studi Etruschi è fondata su principi etici e di indipendenza scientifica. Il Comitato direttivo assieme agli autori, ai membri della redazione e ai revisori condivide ed è responsabile dei seguenti principi, che si basano sulle pratiche di base (“Core Practices”) elaborate dal Committee on Publication Ethics – COPE

1. Responsabilità del Comitato direttivo e gestione della Rivista

1.1 Il Comitato direttivo della Rivista è responsabile della decisione di pubblicare o meno gli articoli proposti.

1.2 Il Comitato prende in considerazione proposte di articoli di qualunque provenienza e non prevede alcuna forma di contribuzione che possa influenzare le scelte fatte, precludendo così qualsiasi forma di mercificazione che possa compromettere gli standard intellettuali ed etici della Rivista.

1.3 Il Comitato garantisce la libertà di espressione e valuta gli articoli proposti per la pubblicazione in base al loro contenuto senza discriminazioni di sorta degli autori (genere, orientamento sessuale, religione, origine etnica, cittadinanza, orientamento politico, etc.).

1.4 Il Comitato si impegna a garantire processi di peer-review per assicurare la qualità e l’integrità del materiale pubblicato; si impegna altresì a garantire la selezione di revisori qualificati e liberi da conflitti di interesse.

1.5 Il Comitato si impegna a non rivelare informazioni sugli articoli proposti ad altre persone oltre all’autore.

1.6 Il Comitato è disponibile ad accettare critiche fondate circa lavori pubblicati e non ha preclusioni rispetto alla possibilità di renderle note nella stessa Rivista.

1.7 Il Comitato garantisce la pubblicazione di correzioni, chiarimenti e ritrattazioni, dove ce ne sia bisogno. Non ha inoltre preclusioni nei confronti di lavori che contengano conclusioni opposte ad altri precedentemente pubblicati nella Rivista.

1.8 Il Comitato garantisce l’apertura della Rivista alla relazione con i lettori, ai quali risponde sulle questioni proposte.

2. Autori e contributi

2.1 La decisione di accettare o rifiutare un contributo per la pubblicazione è basata solamente sulla rilevanza scientifica, sull’originalità e sulla chiarezza del testo, oltre che sulla sua congruenza con gli interessi della rivista. Verrà comunque privilegiata la qualità delle argomentazioni sull’accumulazione dei riferimenti bibliografici.

2.2 Gli autori sono tenuti a comporre un lavoro originale in ogni sua parte e a citare in maniera circostanziata solo i testi utilizzati.

2.3 Gli autori non dovrebbero pubblicare articoli che descrivano in modo puntuale la stessa ricerca in più di una sede. Proporre contemporaneamente lo stesso identico testo a più di una sede editoriale (cartacea o elettronica) costituisce un comportamento eticamente non corretto e inaccettabile.

2.4 Gli autori devono esplicitare nel testo i riferimenti a programmi di ricerca e organizzazioni o enti finanziatori.

2.5 Quando un autore individua in un suo articolo un errore o un’inesattezza rilevante, è tenuto a informare tempestivamente il Comitato e a fornire tutte le informazioni necessarie per segnalare le doverose correzioni.

2.6 Agli autori è data l’opportunità di rispondere alle critiche.

3. Conflitto di interessi e plagio

3.1 Il Comitato e i membri della redazione si impegnano a non usare in proprie ricerche i contenuti di un articolo proposto per la pubblicazione senza il consenso scritto dell’autore.

3.2 Gli autori sono tenuti a comunicare qualsiasi potenziale conflitto di interessi.

3.3 Il Comitato ha il dovere di agire tempestivamente qualora vi siano sospetti di plagio o conflitto di interessi in merito ad articoli editi o in via di pubblicazione, garantendo qualsiasi ragionevole sforzo per risolvere il problema.

3.4 I revisori selezionati si impegnano a comunicare tempestivamente qualsiasi potenziale conflitto di interessi.

4. Processo di peer-review

4.1 La peer review è una procedura che affianca e integra le decisioni del Comitato direttivo sugli articoli proposti e consente agli autori di migliorare e arricchire i propri contributi.

4.2 Tutte le fasi del processo sono compiute utilizzando il protocollo previsto dalla Rivista.

4.3 La procedura di peer-review messa a punto dalla Rivista garantisce la riservatezza delle singole identità e del database generale dei revisori.

4.4 Le norme di peer review sono applicate anche ai membri del Comitato direttivo della Rivista che propongano propri lavori per la pubblicazione.

4.5 Il revisore che non si senta adeguato al compito proposto o che sappia di non poter svolgere la lettura nei tempi richiesti è tenuto a comunicarlo tempestivamente al Comitato affinché sia possibile contattare altri revisori.

4.6 Ogni testo proposto in lettura è considerato riservato. Pertanto tali testi non devono essere discussi con altre persone senza esplicita autorizzazione del Comitato direttivo.

4.7 La peer review deve essere condotta in modo oggettivo. I revisori sono tenuti a motivare adeguatamente i propri giudizi.

4.8 I revisori si impegnano a indicare con precisione gli estremi bibliografici di opere fondamentali eventualmente trascurate dall’autore. I revisori devono inoltre segnalare al Comitato eventuali somiglianze o sovrapposizioni del testo ricevuto in lettura con altre opere a loro note.

4.9 Informazioni riservate o indicazioni ottenute durante il processo di peer review devono essere considerate confidenziali e non possono essere usate per finalità personali.

5. Dati e proprietà intellettuale

5.1 Il Comitato protegge e assicura la riservatezza delle informazioni e il diritto di autore.

5.2 La paternità dell’opera viene limitata a coloro che hanno dato un contributo preponderante e significativo all’ideazione, all’organizzazione e alla realizzazione del lavoro. Eventuali altre persone che abbiamo partecipato a fasi sostanziali della ricerca andranno esplicitamente riconosciute

5.3 Agli autori è richiesto di mantenere registrazione e deposito dei dati relativi alle proprie ricerche edite.

Elenco volumi
  2 risultati